Pinerolo Chiesa Parrocchiale Madonna di Fatima

Ispirato ad un modello stilistico diffusosi in area anseatica nel XVII secolo ad opera del celebre costruttore Arp Schnitger. Concepito per l’utilizzo nelle celebrazioni religiose così come per quello didattico e concertistico, esso costituisce una nuova notevole risorsa musicale non solo per la parrocchia, ma anche per la città di Pinerolo ed il territorio circostante. La sua inaugurazione rappresenta il compimento di una tappa significativa nell’àmbito del processo di valorizzazione della cultura organistica avviato a livello locale da alcuni anni, che ha previsto lo studio degli organi storici della città, il restauro di un numero significativo di essi, l’istituzione di una scuola diocesana di musica sacra, e la creazione di un’apposita associazione culturale: l’Accademia Organistica Pinerolese.

 

Cassa:
a torri con positivo tergale, di tipologia nordica, in rovere non dipinto con intagli dorati.

Prospetto:
formato da 136 canne in stagno rette da maggette, disposte su più ordini con organetti morti in sette campate a cuspide di 7 canne ciascuna (eccetto le due laterali, ad ala di 6 canne ciascuna) relativamente al grande organo, cinque campate a cuspide di 7 canne ciascuna relativamente al positivo tergale e due ulteriori campate a cuspide di 7 canne ciascuna costituenti le torri di pedaliera, con profilo mistilineo, bocche non allineate, labbro superiore a scudo (di tipo riportato per le canne disposte nelle torri), appartenenti ai registri Principal 8’ (grande organo) nell’estensione Do1, Re1, Mi1-Do4, Holfloit 8’ (positivo tergale) nell’estensione Do1-Fa#1, Principal 4’ (positivo tergale) nell’estensione Re1-Fa3 e Principal 16’ (pedaliera) nell’estensione Fa1, Sol1, La1-Sol#2; rimanenti canne mute.

Tastiere:
in numero di 3 in console a finestra, con 54 tasti ciascuna ed estensione Do1-Fa5; tasti diatonici rivestiti in osso, tasti cromatici in palissandro rivestiti in ebano.

Pedaliera:
piana con 30 tasti paralleli; estensione Do1-Fa3.

Registri:
azionabili mediante pomelli torniti estraibili disposti in quadruplice fila su entrambi i lati delle tastiere (relativamente a pedaliera, seconda e terza tastiera), ed in posizione tergale in singola colonna su entrambi i lati (relativamente alla prima tastiera); diciture riportate su cartellini a stampa.

Disposizione Fonica

Prima tastiera (positivo tergale):

- HOLFLOIT 8'
- QUINTADENA 8'
- PRINCIPAL 4'
- ROHRFLOIT 4'
- GEMSHORN 2' 
- SCHARF III file
- SESQUIALTERA II file (XII+XVII)
- DULCIAN 16'
- TROMPET 8'


Seconda tastiera (grand'organo)
- QUINTADENA 16'
- PRINCIPAL 8' (doppio da Do#4)
- SPITZFLOIT 8'
- OCTAVA 4'
- FLOIT 4'
- NASAT 2'⅔
- OCTAVA 2'
- MIXTUR V file
- TROMPET 16'
- VOX HUMANA 8'


Terza tastiera (positivo pettorale)
- GEDACKT B. 8' (bassi)
- GEDACKT D. 8' (soprani)
- HOLZPRINCIPAL D. 8' (soprani)
- BLOCKFLOIT 4'
- OCTAVA 2'
- QUINTA 1'⅓
- REGAL 8' (Trechterregal)

 

Pedale
- PRINCIPAL 16'
- OCTAVA 8'
- OCTAVA 4'
- NACHTHORN 2'
- MIXTUR IV file
- POSAUN 16'
- TROMPET 8'
- CORNET 4'


Accessori: unioni I-II (a cassetto), II-pedaliera (a ventilabro); Tremolo (a vento perso), Zymbelstern, Vogelgesang (a 5 canne).

-